Semi di lino: proprietà nutrizionali, benefici e utilizzi

Semi di lino: cosa sono?

semi di lino sono semi piccoli e neri, ottenuti dalla pianta erbacea Linum Usitatissimum, che trovano grande applicazione sia in cucina, soprattutto l'olio di semi di lino che si ottiene dalla spremitura dei semi, che nel campo della cosmesi per le numerose proprietà benefiche e nutrizionali.

I semi di lino sono ricchi di sostanze nutritive e rappresentano una delle più ricche fonti vegetali di acidi grassi Omega 3, i cosiddetti grassi buoni che apportano numerosi benefici all'organismo; proprio per tutti questi motivi i semi di lino sono indicati anche per le persone che seguono una dieta vegana o vegetariana.

 

Quali sono i valori nutrizionali?

I semi di lino presentano un elevato contenuto di minerali (soprattutto magnesio, rame, fosforo e manganese), vitamine (in particolare appartenenti al gruppo B e E), proteine (20%) e lipidi (40%). Inoltre questo tipo di alimento è prezioso per il ricco contenuti di acidi grassi insaturi Omega 3 e la presenza delle mucillagini utili per il corretto transito intestinale. 

 

Quali sono i benefici dei semi di lino?

Ecco una lista del tuo farmacista online di quelli che sono i principali benefici dei semi di lino per il benessere dell'organismo:

    • Favoriscono la digestione in quanto l'elevato contenuto di fibre e mucillagini permette di regolare la motilità intestinale e prevenire i problemi di stipsi;

 

    • Aiutano a prevenire le malattie cardiovascolari grazie al ricco contenuto di acidi grassi insaturi Omega 3 che favoriscono l'abbassamento dei valori del colesterolo cattivo e dei trigliceridi nel sangue;

 

    • Contrastano lo sviluppo di processi infiammatori interni come la cistite o infiammazioni a livello cutaneo per mezzo delle spiccate proprietà emollienti e protettive;

 

    • Aiutano a perdere peso dal momento che questo tipo di alimento, ricco di fibre e mucillagini, favorisce il senso di sazietà e stimola la combustione dei grassi;

 

  • Preservano la salute dei capelli visto che permettono di rafforzare il fusto del capello, non a caso gli estratti dei semi di lino possono essere tra gli ingredienti dello shampoo.

 

Come usare i semi di lino?

I semi di lino sono insapori e presentano una parte esterna particolarmente dura, quindi è necessario che vengano prima frantumati per poter essere utilizzati a scopi culinari. I semi di lino possono essere utilizzati come integratori, assumendo preferibilmente un cucchiaio di semi al giorno, ma rappresentano anche un ottimo ingrediente da aggiungere alla zuppa o per condire l'insalata.

 

Come conservare i semi di lino?

Per una corretta conservazione dei semi di lino è necessario tenere i semi in un contenitore chiuso ermeticamente al riparo dalla luce e dalle fonti di calore. Dopo la macinazione dei semi di lino, attraverso un mortaio o un frullatore, è possibile conservarli in frigorifero per non più di 24 ore.

 

Quali sono le possibili controindicazioni?

I semi di lino sono assimilati più facilmente se vengono macinati, infatti c'è la possibilità che i semi di lino interi attraversino l'apparato digestivo senza essere realmente digeriti. Per quanto riguarda le controindicazioni i medici sconsigliano di superare la dose di 2 cucchiaini al giorno per non esporsi a eventuali effetti collaterali.

Prodotti consigliati