Meglio una Crema o un Olio solare? Alcuni chiarimenti

Scopriamo le differenze tra la crema e l'olio solare, entrambi sono prodotti molto utilizzati in estate per proteggersi dai raggi ultravioletti e per abbronzarsi. Ma quando è meglio scegliere la crema e quando l'olio abbronzante? Molto dipende dal tipo di carnagione e dall'obiettivo che si vuole raggiungere.

Vediamo prima brevemente le caratteristiche di una crema e di un olio.

Le creme sono prodotte chimicamente in laboratorio e sono delle emulsioni. L’emulsione è la dispersione finissima sotto forma di goccioline di un liquido in un altro, si dividono in dispersioni di sostanze oleose in acqua o dispersioni di acqua in sostanze oleose. La nostra pelle contiene sostanze oleose naturali che determinano la fluidità delle membrane cellulari e quindi anche la morbidezza e lucentezza della pelle. Man mano con l'età che sopravanza queste sostanze oleose diminuiscono producendo l'invecchiamento della pelle, e allora si necessita integrarle tramite prodotti cosmetici adatti come gli olii o le creme per il viso. Di solito gli olii hanno principi attivi che riescono a penetrare più velocemente all'interno della pelle, ma per chi soffre di pelle grassa non sono adatti perchè aggravano questo problema.

Le creme solari hanno una buona adesività e vengono utilizzate soprattutto per parti del corpo non estese, come il viso o le spalle, l'olio solare invece regala una particolare lucentezza alla pelle che attira i raggi del sole e favorisce la penetrazione delle radiazioni. Esistono in commercio oli solari con fattore protettivo solare, ma si tratta di prodotti adatti soprattutto a chi ha la carnagione più scura o già abbronzata perché attirano il raggi UV, al contrario della crema che ha, in genere elevati fattori protettivi (si trova anche con un FP di 50+).

Vediamo più nel dettaglio quali sono le differenze tra i due tipi di prodotti solari.

Crema solare

La crema solare contiene numerosi ingredienti tesi a proteggere la pelle dai raggi UVA e UVB ma anche a limitare il danno causato dalle cellule ed idratare e nutrire la pelle. E' costituita da una emulsione di acqua in olio che determina la formazione di una barriera sulla pelle.

La crema si spalma meno facilmente degli oli ed è adatta ai bambini (scegliere un prodotto con fattore di protezione 50+ per poi passare dopo qualche settimana a 30) e a chi ha la carnagione chiara.

Leggi anche: Quale protezione solare scegliere?

Olio solare

Vengono prodotti partendo da oli di origine naturale, quindi l'olio di mallo di noce o di cocco. Quasi tutti gli oli solari sono liposolubili e consentono una buona dispersione dei filtri solari, si spalmano bene e sono adatti a parti del corpo estese, non al viso che necessita sempre di una crema idratate protettiva.

Gli oli contribuiscono a formare una pellicola trasparente ed idroresistente che rende lucida la pelle e attira i raggi solari. Non necessitano di conservanti. L'olio solare è indicato per chi ha una pelle più scura o già abbronzata, ma è sconsigliato a chi ha la pelle grassa o acneica. Meglio scegliere un olio che contenga sostanze antiossidanti, come il betacarotene e vitamina E, e la vitamina A. L'olio solare esiste anche in formulazione secca, che unge di meno, e può essere utilizzato anche per proteggere i capelli da vento e salsedine.

Quando usare la crema e quando l'olio solare?

Nei primi giorni in cui ci si espone al sole è raccomandabile applicare con costanza una crema con fattore protettivo, da 15 a 30 a seconda della carnagione, e solo dopo essersi abbronzati si può applicare l'olio, meglio ancora se prima si è applicata una crema con fattore protettivo 15.

Ciò non è consigliabile a chi ha la carnagione molto chiara: per evitare scottature ed eritemi è bene applicare all'inizio una crema ad elevato fattore di protezione per poi scendere a 30 o 20.

Prodotti consigliati